Trascrizione della videointervista:

Un caso di un giovane trentatreenne affetto da due mesi da ipertermia 39/40 con emissione ogni due tre giorni; dopo un mese si ricovera in day hospital con gli esami del caso ma dai quali rilievi ematochimici  ed ecografici non viene riscontrato assolutamente nulla, essendo un manovale dopo  i due mesi di febbre continuativa inizia ad avere stanchezza e incapacità lavorativa giunge al mio studio agli inizi di agosto gli viene fuori una positività alla presenza di citomegalovirus cosa poi confortata dagli esami che ho avuto dal day hospital con una splenomegalia con aumento  le transaminasi un abbassamento di parametri ematici che  insomma  potevano portare ad una diagnosi è andato in terapia con dei prodotti della Labo’life: ci sono un pool di citochine  diluite dinamizzate lo specifico della Labo’life su citomegalovirus 2LCMW che sono dei prodotti blisterati in 10 compresse da assumere una al giorno chiaramente il paziente ha fatto 3 confezioni per 90 giorni e sono numerate dalla 1 alla 10 e all’interno ci sono le nostre citochine diluite e  dinamizzate nello specifico ci sono interleuchina 1,  interleuchina2,  interferone alfa e poi ci sono i tre prodotti  nello specifico della tossicità dello CMW.

Dopo 3 giorni lui racconta di un innalzamento a picco della febbre  40° e dopo due giornate la completa remissione dei dolori e della febbre e adesso, ad 8 mesi, la splenomegalia che veniva fuori da primi esami è sparita,  le transaminasi si sono normalizzate; è stato, diciamo, un buon lavoro di prevenzione perchè tanto per lo stato febbrile o inabilità  che socialmente  che il ragazzo è stato felicissimo di poter continuare a lavorare di godersi il matrimonio che è quello che i pazienti vogliono da un punto di vista medico omotossicologico essendo citomegalovirus un herpes virus quindi con potenzialità oncogene averlo debellato e che  a tutt’oggi non ce n’è più traccia  significa aver fatto  un buon lavoro di prevenzione e avendo soddisfatto le istanze immediate del paziente.

Nello specifico il test kinesiologico mi aveva dato, dava  ragione ho provato solo con quel farmaco e penso che soprattutto  il paziente ne è rimasto pianamente soddisfatto e forse anche la giovane moglie.